Regolamento | Discussioni Recenti | Nuovi Post dal tuo Ultimo Accesso | Discussioni in Rilievo

PER I NUOVI ISCRITTI: comunicare ai moderatori via MP la propria adesione al forum

New Thread
Reply
 
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Napoli | Trasporto Pubblico di superficie

Last Update: 11/19/2020 10:24 PM
4/27/2020 9:07 PM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,648
Registered in: 3/21/2013
Re:
luca.pagano, 27/04/2020 19:44:

si deve trovare una soluzione alla mobilità limitata di questo periodo. quale pensate sia la soluzione migliore per far muovere i ciddatini in questi mesi in cui il tpl funzionerà a regime ridotto?



Temo che la risposta sul breve sarà un travaso di utenti dal servizio pubblico verso la mobilità privata.


4/27/2020 10:14 PM
 
Modify
 
Quote
ONLINE
Post: 6,101
Registered in: 2/14/2012
l'alternativa all'auto quale potrebbe essere? un'alternativa credibile, essendo andati perduti x posti nel tpl, credo abbondantemente sopra i 100 mila al giorno. come si stanno muovendo il comune e la regione?
4/28/2020 12:33 AM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,549
Registered in: 3/5/2012
Il travaso andrebbe evitato, perché già ora non c'è spazio in strada. Però ci sarà. L'EAV invita chi ha alternative a non usare i loro mezzi. Può essere scoraggiato chi usa il TPL per brevi tratte, distanziando le fermate, spingendoli ad andare a piedi, ma sarebbe poca cosa. La bici, il monopattino sono roba adatta per chi ama andarci e non si può invogliare la gente ad andarci con piste sporadiche. Se si vuole fare viaggiare in bici o monopattino o seg-way le persone occorre un piano almeno regionale di reti ciclabili, più che di piste.
4/28/2020 9:43 AM
 
Modify
 
Quote
ONLINE
Post: 6,101
Registered in: 2/14/2012
Re:
Vincenzo201, 28/04/2020 00:33:

Il travaso andrebbe evitato, perché già ora non c'è spazio in strada. Però ci sarà. L'EAV invita chi ha alternative a non usare i loro mezzi. Può essere scoraggiato chi usa il TPL per brevi tratte, distanziando le fermate, spingendoli ad andare a piedi, ma sarebbe poca cosa. La bici, il monopattino sono roba adatta per chi ama andarci e non si può invogliare la gente ad andarci con piste sporadiche. Se si vuole fare viaggiare in bici o monopattino o seg-way le persone occorre un piano almeno regionale di reti ciclabili, più che di piste.



tutto giusto, il 19 maggio quando quasi tutto sarà riaperto, come si dovranno muovere le persone per andare a lavoro al centro di napoli?
4/28/2020 3:09 PM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 504
Registered in: 7/11/2017
Alla luce delle novità introdotte dall’ultimo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la commissione Qualità della Vita, presieduta da Francesco Vernetti, ha discusso con l’amministratore unico di Anm, Nicola Pascale, delle misure che verranno adottate sui mezzi pubblici all’avvio della Fase 2 il 4 maggio.

Il DPCM di ieri 26 aprile, e in particolare il decreto del Ministero dei Trasporti pubblicato questa notte, dettano le linee sulle categorie che ripartiranno dal 4 maggio e su come il sistema dei trasporti pubblici si dovrà adeguare alle esigenze di sicurezza imposte dalla Fase 2. Lo ha spiegato Nicola Pascale ai commissari intervenuti, evidenziando le significative limitazioni che verranno imposte alla circolazione su ferro e su gomma, che non potranno non avere conseguenze sulla qualità del servizio offerto se non si fa appello al senso di responsabilità di ogni cittadino.

Resta infatti il principio che occorrerà muoversi solo in caso di necessità, indossando mascherine e rispettando le distanze di sicurezza. Ma è inutile negare che i numeri consentiti sono esigui, ha precisato l’amministratore unico di Anm: nel caso napoletano, ad esempio, un treno della metropolitana non potrà contenere più di 100 passeggeri a corsa a fronte degli 800 abituali; gli autobus potranno accogliere al massimo 20 persone e le funicolari 40. È evidente che con questi numeri la situazione del trasporto pubblico sarebbe molto impegnativa da gestire se la città ricominciasse a muoversi a pieno regime. È certamente prevedibile e comprensibile, tuttavia, che in una prima fase i cittadini che rientreranno al lavoro useranno mezzi privati, ha chiarito Pascale, per questo sarebbe opportuno anche ridiscutere il sistema delle tariffe sugli stalli a pagamento (strisce blu). Altro tema centrale in questa fase, ha concluso, è il dato delle risorse economiche: l’azienda ha perso 5 milioni di introiti al mese dall’inizio del lockdown, ed è inevitabile che questo problema dovrà essere affrontato su scala nazionale.

Nel dibattito Aniello Esposito (Partito Democratico) ha evidenziato che i numeri consentiti sono certamente problematici; c’è poi la necessità di disciplinare gli accessi lungo le varie fermate delle linee metropolitane, pensando anche a tutelare gli operatori, sia con adeguati DPI sia predisponendo un’organizzazione che non li esponga alle possibili difficoltà che avranno a gestire l’utenza che non potrà avere accesso ai mezzi. Una soluzione, ha concluso, potrebbe essere quella di potenziare i mezzi disponibili e cadenzare meglio gli intervalli tra le corse. Su questo aspetto Pascale ha chiarito che la fornitura di treni dalla Spagna e le necessarie operazioni di collaudo riprenderanno non appena possibile, così come è stato già contrattualizzato l’acquisto di 63 autobus, ma naturalmente i tempi sono più lunghi e non si riesce certamente a far fronte all’emergenza attuale.

Per Ciro Langella (Misto) le limitazioni imposte dal DPCM per il trasporto pubblico di linea erano prevedibili in questa fase di rodaggio che anticipa il 18 maggio; vanno intanto approfonditi altri aspetti, come ad esempio il ruolo del trasporto pubblico non di linea, che potrebbe essere di supporto ai mezzi pubblici, con tariffe predeterminate e – necessariamente – un coraggioso piano traffico cittadino che agevoli la viabilità in questa Fase 2. È impensabile, ha precisato, l’ipotesi di utilizzare bus turistici per il trasporto di linea, come pure proposto in questi giorni.

Per Sergio Colella (DemA) valutare misure di circolazione alternative, come le targhe alterne, potrebbe alleggerire il traffico veicolare privato in città. Anche su questo aspetto Pascale ha precisato che la valutazione di una limitazione del traffico veicolare privato da fuori Comune va valutata attentamente e con prudenza, perché il rischio è quello di una paralisi totale in mancanza di un servizio pubblico di linea che garantisca la piena efficienza.

Di questi aspetti, ha concluso il presidente Vernetti, la Commissione tornerà a discutere la prossima settimana con l’assessora alla Mobilità Alessandra Clemente e l’assessore ai Trasporti Enrico Panini.
4/28/2020 4:08 PM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 504
Registered in: 7/11/2017
Re: Re:
luca.pagano, 28/04/2020 09:43:



tutto giusto, il 19 maggio quando quasi tutto sarà riaperto, come si dovranno muovere le persone per andare a lavoro al centro di napoli?



Il traffico sarà inevitabile. Probabilmente anche il caos su bus e metro, se non si faranno seri controlli, che saranno pure difficili visto le ordinanze caotiche del governo. C'è comunque da tenere presente che la ripartenza sarà scaglionata, quindi se si rispettano le ordinanze si dovrebbero evitare spostamenti non necessari. Già solo senza turismo e con università e scuole chiuse si tolgono migliaia di utenti dalle strade. Con i locali chiusi idem, quindi dubito che il 19 maggio quasi tutto sarà riaperto. Per intenderci, il tpl e l'auto dovrebbero essere utilizzati solo dai lavoratori che devono recarsi a Napoli e vanno prese tutte le misure per agevolarli. E' per gli spostamenti brevi che si dovrà trovare una soluzione, anche per una fase successiva (in estate) in cui si riaprirà allo svago e speriamo al turismo, visto che ci sarà un periodo - non sappiamo quanto lungo - in cui dovremo convivere con questo virus.

E' per questi spostamenti che si dovrà trovare un'alternativa credibile al tpl e ovviamente all'auto. E in tal senso diventa prioritario pensare a piste ciclabili anche provvisorie e fare di tutto per inondare la città con bike sharing e monopattini sharing. Es: tutta l'utenza che si muove per centro storico / via Toledo / corso Umberto / via Foria / via Marina, così come in periferia. Ho anche io molti dubbi che il Comune ci possa riuscire da solo per l'estate, ma visto che la domanda sarà alta spero che gli imprenditori intervengano e che Stato e Regione possano dare aiuti concreti anche in tal senso. Immagino che nessuno ha in mente di far andare la gente a lavorare al centro direzionale in bicicletta, come vorrebbero far passare i Nino Simeone. A Napoli per moltissimi parlare di bici significa parlare di giocattoli, quindi magari potrà essere anche l'occasione finalmente per un cambio di mentalità.
4/28/2020 5:31 PM
 
Modify
 
Quote
ONLINE
Post: 6,101
Registered in: 2/14/2012
Re: Re: Re:
faberax94, 28/04/2020 16:08:



Il traffico sarà inevitabile. Probabilmente anche il caos su bus e metro, se non si faranno seri controlli, che saranno pure difficili visto le ordinanze caotiche del governo. C'è comunque da tenere presente che la ripartenza sarà scaglionata, quindi se si rispettano le ordinanze si dovrebbero evitare spostamenti non necessari. Già solo senza turismo e con università e scuole chiuse si tolgono migliaia di utenti dalle strade. Con i locali chiusi idem, quindi dubito che il 19 maggio quasi tutto sarà riaperto. Per intenderci, il tpl e l'auto dovrebbero essere utilizzati solo dai lavoratori che devono recarsi a Napoli e vanno prese tutte le misure per agevolarli. E' per gli spostamenti brevi che si dovrà trovare una soluzione, anche per una fase successiva (in estate) in cui si riaprirà allo svago e speriamo al turismo, visto che ci sarà un periodo - non sappiamo quanto lungo - in cui dovremo convivere con questo virus.

E' per questi spostamenti che si dovrà trovare un'alternativa credibile al tpl e ovviamente all'auto. E in tal senso diventa prioritario pensare a piste ciclabili anche provvisorie e fare di tutto per inondare la città con bike sharing e monopattini sharing. Es: tutta l'utenza che si muove per centro storico / via Toledo / corso Umberto / via Foria / via Marina, così come in periferia. Ho anche io molti dubbi che il Comune ci possa riuscire da solo per l'estate, ma visto che la domanda sarà alta spero che gli imprenditori intervengano e che Stato e Regione possano dare aiuti concreti anche in tal senso. Immagino che nessuno ha in mente di far andare la gente a lavorare al centro direzionale in bicicletta, come vorrebbero far passare i Nino Simeone. A Napoli per moltissimi parlare di bici significa parlare di giocattoli, quindi magari potrà essere anche l'occasione finalmente per un cambio di mentalità.




leggo di una capienza pari al 15% rispetto al normale sul tpl. secondo me non resterà a casa l'85% dell'utenza media precrisi. se per assurdo avessi ragione io, cosa faresti per agevolare quelli che non riusciranno a prendere la metro o il bus?
4/28/2020 6:35 PM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 504
Registered in: 7/11/2017
Ripeto: siamo in una situazione mai sperimentata prima, secondo me una certa dose di caos sarà abbastanza fisiologica in tutte le città, non solo a Napoli. Ovviamente bisogna fare l'impossibile per ridurla. Sono state fatte tante proposte e si dovrà vedere quanto il Governo aiuterà il tpl e i comuni, visto che ogni provvedimento sarà un problema di fondi e di mancati introiti. Le misure sopra citate (strisce blu, se possibile più mezzi e quindi una rimodulazione delle linee, tornelli contapersone) sono una prima cosa. Qualcuno ipotizzava l'intervento di privati o l'uso di autobus a due piani, non so ipotesi quanto praticabili. Quale percentuale di utenza resterà a casa non lo so, ma di certo da soli scuola, università, turismo, svago ed eventi vari sono una bella fetta e si scoraggerà il più possibile l'uscita anche nella fase 2, incoraggiando il telelavoro. Secondo me a maggior ragione nemmeno il 18 torniamo alla totale normalità.
4/28/2020 8:11 PM
 
Modify
 
Quote
ONLINE
Post: 6,101
Registered in: 2/14/2012
per la totale normalità secondo me servirà un anno e gli italiani vaccinati. per questo il problema non è proprio momentaneo
4/29/2020 11:36 AM
 
Modify
 
Quote
ONLINE
Post: 6,101
Registered in: 2/14/2012
milano.corriere.it/notizie/cronaca/20_aprile_29/coronavirus-lombardia-trasporti-distanze-impossibili-rischio-caos-divieti-ingestibili-treno-e84f260e-89e1-11ea-94d3-9879860c12b6.shtml?fbclid=IwAR3QyKxpLBk2-NL2R51OH7YUz7wDNPlCJJtpnLEJOr8KuztqIjz...

VERSO LA FASE 2
Coronavirus Lombardia, trasporti: distanze impossibili. Rischio caos: «Divieti ingestibili in treno»
Lettera delle aziende pubbliche al ministro: misure ingestibili, allarme per le code. «Si punti sulle mascherine, no al distanziamento in carrozza»
di Maurizio Giannattasio e Stefano Landi
Coronavirus Lombardia, trasporti: distanze impossibili. Rischio caos: «Divieti ingestibili in treno»shadow

Sintesi brutale: no al distanziamento di un metro, è sufficiente la mascherina, altrimenti diventa impossibile soddisfare l’esigenza di trasporto pubblico che sarà comunque superiore al 25-30 per cento imposto dal metro di distanza. Sintesi ragionata: con il distanziamento di un metro la capacità del trasporto pubblico si attesta al 25-30 per cento, ma la domanda di mobilità - non il 4 maggio, magari neanche il 18, ma quasi sicuramente quando riprenderanno tutte le attività a settembre - sarà di molto superiore, magari arriverà al 50 per cento e il distanziamento di un metro non solo non garantirà la richiesta di trasporto ma rischia di creare assembramenti nelle stazioni e nelle fermate di bus e tram pericolosi per la salute.



Si alza la voce delle aziende del trasporto pubblico. Agens con il presidente Arrigo Giana - che tra l’altro è il dg di Atm - e Asstra con Andrea Gibelli - presidente di Ferrovie Nord Milano - hanno scritto una lettera al ministro dei Trasporti, Paola De Micheli chiedendo di rivedere le regole di accesso al trasporto pubblico. «Riteniamo -scrivono Giana e Gibelli - che l’introduzione di un criterio di funzionamento del trasporto pubblico fondato sul distanziamento di un metro debba lasciare il passo a un criterio incardinato sull’obbligo di utilizzo delle mascherine da parte degli utenti, rigorosamente applicato». Quella dei presidenti, che raccolgono le più grandi aziende di trasporto del Paese, non è una vox clamans nel deserto. Analogo appello è arrivato dal segretario mondiale delle associazioni di trasporto (Uitp) Mohamed Mezghani: «La distanza fisica nel trasporto pubblico può significare la fine della mobilità sostenibile». «Da parte nostra nessuna polemica - dice Giana - Il tema è la domanda di trasporto. O viene veramente rimodulata al ribasso con tutti gli strumenti a disposizione come lo smart working o la didattica a distanza o c’è un problema che bisogna affrontare. Anche perché non è che si può trasferire il problema fuori dai tornelli del metrò. Non è pensabile che le città, penso a Milano, siano in grado di “recuperare” le 300 mila auto delle persone che non potranno utilizzare il trasporto pubblico. C’è un limite fisico invalicabile. Il ragionamento vale per tutti, Roma, Genova, Napoli, Bologna, Firenze».



La soluzione potrebbe essere quella di «eliminare» la regola del distanziamento di un metro. Con tutte le precauzione del caso. «Stiamo semplicemente chiedendo, visto che a oggi si è parlato in termini di o-o, o mascherina o distanziamento di un metro, se sia possibile valutare la possibilità di tutelare la salute dei passeggeri con la sola mascherina - continua Giana - togliendo il distanziamento. Questo renderebbe possibile una capienza fino al 50 per cento del trasporto garantendo un’offerta più in linea alla richiesta futura. Se non sarà possibile, bisognerà lavorare per ridurre la domanda in maniera forte». Pena «il sovraffollamento delle aree di attesa delle stazioni e alle fermate, ottenendo un effetto contrario a quello desiderato - si legge nella lettera - Assembramenti non controllabili e pericolosi per la salute delle persone e addirittura potenziali problemi di ordine pubblico». Non c ‘è solo l’appello delle aziende del Tpl. C’è anche il piano della Regione per la Fase 2 che ruota intorno alle fasce orarie. «Non si può pensare che la gente si blocchi agli accessi - dice il governatore Fontana - dobbiamo diminuire il flusso, allungando la giornata, spalmando il turnover non più su 5 giorni, ma su 7 lavorativi». Il concetto da eliminare è quello dell’ora di punta, un grande classico delle metropoli.

Il tema dei trasporti è probabilmente il più pesante nel dossier che lunedì sera Fontana ha messo nelle mani del premier Conte nell’ora e mezzo di incontro in Prefettura con la testa immersa nei grafici. In Lombardia vivono 10 milioni di persone, il 17 per cento dell’intero Paese. Ci sono 420 abitanti per chilometro quadrato, il doppio della media italiana. E il cuore di tutto resta Milano, dove si convive con l’onda lunga del virus. Il 50 per cento degli addetti è impiegato nella sola provincia di Milano, che ha anche il 38 per cento di imprese. Ma c’è un grafico che Fontana tiene in punta di mani: ci sono quattro colonne colorate che partono dal rosso e scendono con arancione e giallo fino verde. Quella tabella mostra come il 49 per cento delle imprese lombarde ha un basso fattore intrinseco di rischio. Una percentuale distribuita in modo omogeneo nelle diverse province: con un picco che arriva fino al 54 per cento a Lecco. Conte ha promesso che su quel fronte farà i suoi calcoli. La Fase 2 sarà quella della convivenza col virus. «Non possiamo aspettare che scompaia, il reciproco rispetto sarà la chiave di tutto», aggiunge Fontana. A rendere ottimisti i vertici dl Pirellone è il fatto che a Milano sono già tante le imprese attive. A oggi nell’intera Lombardia lavora già il 57 per cento. Il 4 maggio ripartirà un altro 23, lasciando sospeso solo il 19 per cento. A Milano ripartiranno 103 imprese. C’è un altro dato che spiega come verrà spalmata e quindi gestita la Fase 2: dei 940 mila addetti che torneranno in servizio, il 22 per cento potrebbe restare in smart working e per un altro 10, la quota di over 60, si potrebbero trovare altre misure ad hoc.
[Edited by luca.pagano 4/29/2020 11:37 AM]
6/25/2020 10:12 AM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 9
Registered in: 6/11/2019
TRAM linea 2 e 4
I sette operai sono al lavoro in officina, chini sui carrelli e sulle parti meccaniche da riparare. L'attività ferve nel deposito Anm di San Giovanni. A settembre tornano i tram. Dopo la linea 1 (ripartita lo scorso gennaio), saranno riattivate le linee 2 (San Giovanni- piazza Nazionale) e 4 (San Giovanni- porto, via Cristoforo Colombo). ...

napoli.repubblica.it/cronaca/2020/06/25/foto/napoli_a_settembre_sui_binari_tornano_i_vecchi_tram-260103...
6/25/2020 12:58 PM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 3,427
Registered in: 2/15/2012
bene bene!!

ma da piazza vittoria la linea tranviaria dove arrivava seguendo la riviera? non ricordo
Inoltre qualcuno sa se c'è un progetto per recuperarla oppure in vista della linea 6 non verrà presa in considerazione?
6/25/2020 1:15 PM
 
Modify
 
Quote
ONLINE
Post: 224
Registered in: 9/25/2012
Re:
granpacco, 25/06/2020 12:58:

bene bene!!

ma da piazza vittoria la linea tranviaria dove arrivava seguendo la riviera? non ricordo
Inoltre qualcuno sa se c'è un progetto per recuperarla oppure in vista della linea 6 non verrà presa in considerazione?




Dopo la Riviera il tram arrivava a piazza Sannazzaro passando per via Giordano Bruno, per poi proseguire verso Fuorigrotta.

La rete tranviaria sulla Riviera è stata rifatta qualche anno fa e, ad oggi, i binari risultano mancanti soltanto nei tratti in corrispondenza delle stazioni San Pasquale ed Arco Mirelli della linea 6.

Che io sappia, è certamente previsto il ritorno del Tram a Piazza Sannazzaro, anche perchè in caso contrario vi sarebbero problemi con l'Unione Europea, avendo quest'ultima finanziato i lavori di rifacimento della rete sulla Riviera senza che sia mai stato esercitato alcun tipo di servizio.

Il grande errore, a mio avviso, è stato quello di non prevedere soluzioni temporanee che avrebbero permesso la circolazione dei tram durante i lavori per la linea 6 (anche con riferimento a Piazza Municipio) e, soprattutto, non aver provveduto alla posa dei binari quando è stata risistemata la preferenziale nell'ambito del completamento dei lavori della stazione San Pasquale.
6/26/2020 8:10 AM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,082
Registered in: 5/15/2012
Re: Re:
peppos1085, 6/25/2020 1:15 PM:




Dopo la Riviera il tram arrivava a piazza Sannazzaro passando per via Giordano Bruno, per poi proseguire verso Fuorigrotta.

La rete tranviaria sulla Riviera è stata rifatta qualche anno fa e, ad oggi, i binari risultano mancanti soltanto nei tratti in corrispondenza delle stazioni San Pasquale ed Arco Mirelli della linea 6.

Che io sappia, è certamente previsto il ritorno del Tram a Piazza Sannazzaro, anche perchè in caso contrario vi sarebbero problemi con l'Unione Europea, avendo quest'ultima finanziato i lavori di rifacimento della rete sulla Riviera senza che sia mai stato esercitato alcun tipo di servizio.

Il grande errore, a mio avviso, è stato quello di non prevedere soluzioni temporanee che avrebbero permesso la circolazione dei tram durante i lavori per la linea 6 (anche con riferimento a Piazza Municipio) e, soprattutto, non aver provveduto alla posa dei binari quando è stata risistemata la preferenziale nell'ambito del completamento dei lavori della stazione San Pasquale.



Non credo che i binari in corrispondenza delle stazioni manchino. Credo siano semplicemente sepolti nell'asfalto
6/26/2020 3:17 PM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 3,427
Registered in: 2/15/2012
vabbè l'ennesimo progetto che resterà nel cassetto per molti e molti anni
9/10/2020 10:25 PM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 34
Registered in: 12/5/2015
www.facebook.com/watch/?v=258761041880429
Creata una linea che unisce Capodimonte-MANN-Catacombe San Gennaro. Direi che in particolare per Capodimonte era ora.
9/24/2020 10:56 AM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 165
Registered in: 2/15/2012
Re:
Bruss92, 10/09/2020 22:25:

https://www.facebook.com/watch/?v=258761041880429
Creata una linea che unisce Capodimonte-MANN-Catacombe San Gennaro. Direi che in particolare per Capodimonte era ora.



Mah, questa 3M altro non è che un doppione della 168... ne ricalca quasi l'intero percorso...



9/28/2020 7:33 PM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 3,427
Registered in: 2/15/2012
Ma penso e spero che questa linea faccia solo le fermate dei musei, quindi ben venga
11/8/2020 8:38 AM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 285
Registered in: 7/21/2012
Ma il famoso progetto del filobus dei colli aminei è stato abbandonato? Non se ne parla più da mesi e non c’è traccia di una apertura della linea... se ne sa qualcosa?
11/11/2020 9:49 AM
 
Modify
 
Quote
OFFLINE
Post: 165
Registered in: 2/15/2012
Anche se a rilento, sono ripresi i lavori di completamento della rete aerea: hanno posizionato le mensole dal Tondo fino a subito dopo il tornante davanti alla chiesa del Buon Consiglio; devono ancora montare quelle dall'imbocco della Tangenziale fino quasi al regresso. Inoltre, ho visto che hanno montato dei sezionatori alla fine di via Cardarelli ed all'inizio di via Pietravalle (nei pressi della rotonda), ed hanno ricostruito la parte di bifilare che fu abbattuta dal vento davanti al Pronto Soccorso.... mi pare che sia buon segno, no?
[Edited by pabbamo 11/11/2020 9:51 AM]
New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:14 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com