Regolamento | Discussioni Recenti | Nuovi Post dal tuo Ultimo Accesso | Discussioni in Rilievo

********* 'O Monumento - raccolta fondi per il monumento ai caduti dell'Unità *********
Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | « 14 15 16 | Pagina successiva
Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

Napoli | Lotta per la legalità

Ultimo Aggiornamento: 20/05/2017 16.41
12/05/2017 14.26
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 8.034
Città: NAPOLI
Admin
piuttosto vale il daspo anche per i taggari di merda?
12/05/2017 14.41
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 7.886
Mi sembra di si, ma la ci vorrebbe un daspo dalla città, che gli fai a uno che di natura batte interi pezzi di città e anche fuori seminando la sua firma da analfabeta

__________________________
Gigginoscettico
12/05/2017 16.55
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 1.024
Città: NAPOLI
queste, per me, sono quelle cose estremiste (della sinistra più becera) che precluderanno a DeMa qualsiasi futuro di rilievo sul piano nazionale.
Populismo e lassismo camuffati da tolleranza che francamente non sono compatibili con una visione politica di più ampio respiro e realmente evoluta.
sulla De Majo non mi dilungo, mi sembra la classica fuoricorso imbottita di slogan e luoghi comuni, peccato perché DeMa poteva attingere da forze più sane e decisamente più evolute che in città sarebbero, comunque, tutte dalla sua parte
12/05/2017 18.37
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 5.210
E il povero venditore di cazettini non deve sbarcare il lunario pur'iss :naughty:

__________________________
Salutandovi indistintamente..

http://www.pianofortegioiello.it/
16/05/2017 12.30
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 482
Napoli, la sfida dei vigili al sindaco: nuovo Daspo al fioraio ambulante

Sul finire della settimana scorsa i vigili eseguirono il primo provvedimento collegato alla legge Minniti: consegnarono un «predaspo» a un fioraio e si scatenò la polemica.

Quel provvedimento, fase iniziale di un percorso che può concludersi con il definitivo allontanamento da parte del questore (se l’abusivo viene ripescato nelle successive 48 ore nello stesso luogo) scatenò un putiferio.
I centri sociali si lanciarono in una vivace protesta, sostenuti dalla consigliera comunale Eleonora de Majo (DemA) che chiese al sindaco di vietare ai vigili altri interventi analoghi. Lo stesso sindaco scese in campo annunciando che avrebbe regolarizzato personalmente quel fioraio per consentirgli di operare liberamente sul territorio.
Nelle stesse ore del grande caos, però, gli agenti della polizia municipale pescarono nuovamente quel fioraio nello stesso posto. Così furono costretti a rinnovargli la sanzione e, nel rispetto della legge, a presentare la sua documentazione al questore che emette, materialmente, il Daspo nei confronti degli abusivi. Quelle carte sono state presentate ieri in Questura, adesso partirà una breve procedura burocratica che si concluderà con il decreto di allontanamento «definitivo» dai luoghi per il fioraio.

Documentazione identica è stata presentata anche per il caso di un parcheggiatore abusivo, sorpreso per due giorni consecutivi ad operare davanti alla stazione ferroviaria di Mergellina. Anche per il parcheggiatore la procedura sarà identica e si concluderà con il provvedimento di allontanamento dal luogo.

Si tratta dei primi provvedimenti del genere a Napoli e hanno una particolare valenza perché proprio da questa città è partita una vivace contestazione alla Legge Minniti che, secondo Luigi De Magistris, vuol trasformare i sindaci in sceriffi. Proprio per dare un segnale preciso, De Magistris, all’indomani dell’esplosione delle polemiche per il primo intervento, pensò di bloccare sul nascere la vicenda promettendo un permesso ufficiale al fioraio abusivo che aveva già avuto il «predaspo». De Magistris spiegò che quel provvedimento adottato dai vigili gli sembrava un «nonsenso», ma proprio mentre il sindaco rilasciava quelle dichiarazioni, la polizia municipale stava eseguendo nuovi controlli e sanzionando per la seconda volta lo stesso uomo. Così, adesso, si manifesterà un’altra paradossale situazione: il fioraio avrà il permesso ufficiale per occupare un’area nella quale, per decreto del questore e nel rispetto di una legge dello Stato, non potrà avvicinarsi. Un grande caos in salsa napoletana.

ilmattino.it/napoli/cronaca/napoli_nuovo_daspo_fioraio-2443...
16/05/2017 13.00
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 1.602
Città: MARANO DI NAPOLI
Tifo per i vigili :D
16/05/2017 14.04
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 3.023
Il Mattino sempre *** scrive
16/05/2017 15.20
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 2.357
Città: NAPOLI
Quante contraddizioni nelle azioni e nelle parole del sindaco, un boomerang per il futuro prossimo
16/05/2017 23.33
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 1.249
Città: NAPOLI
Potrebbe essere un grande strumento nella lotta ai parcheggiatori abusivi
17/05/2017 14.33
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 7.886
Re:
Partenope93, 16/05/2017 13.00:

Tifo per i vigili :D

il discorso è che le u.o. dei vigili variano da quartiere a quartiere: quelle di Vomero e Chiaia sono quelle che più si avvicinano a standard di azione decenti, quindi si spiega una maggior efficacia nell'agire (non sto dicendo che a Vomero e Chiaia ci sta il nypd di tante serie eh :D )

Quindi quando fanno quei discorsi generalizzatori tipo andate a fare le multe in quel qaurtiere o in quella strada dovrebbero almeno riflettere un pochettino

__________________________
Gigginoscettico
19/05/2017 19.08
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 1.603
Napoli, l'amico picchiato in diretta telefonica
Dal
Il Mattino

NAPOLI – Una rapina seguita da una violenta aggressione. Derubato di soldi e cellulare, ne nasce una colluttazione che Valentina, un'amica della vittima, ascolta in diretta. Il racconto lascia spazio a poca immaginazione, i fatti, trascritti anche su Fb, per volontà di Antonio, la vittima, descrivono chiaramente la gravità della circostanza.

«Antonio mi ha chiesto da un letto di ospedale di essere la sua voce e raccontare ciò che gli è successo poco dopo mezzanotte dell’altra sera - racconta Valentina - mentre tornava a casa a piedi da una cena a casa mia, nello studentato di via Brin, si dirigeva verso piazza Nazionale».

Antonio, tornando a casa chiama al cellulare Valentina, poco prima della rapina, che di lì a breve diventerà una colluttazione: «Mentre camminava - continua nel racconto Valentina - ed era al telefono con me, è stato brutalmente aggredito da tre malviventi, che l'hanno derubato di cellulare e portafogli tempestandolo di calci sul viso e botte. Ha provato a difendersi, rimediando una frattura nella parte sub orbitale dell'occhio, il naso rotto, le nocche rotte e tanta, tanta rabbia».

Valentina è atterrita, ma la costatazione che l’amico Antonio stia meglio, sia sorridente e cosciente la rassicura: «Adesso - continua - è ricoverato all'ospedale dei Pellegrini, ha fatto una tac e domani farà altre visite di controllo. Le botte che fanno più male di quelle fisiche sono quelle alla fiducia nell'essere umano. "Ma sono vivo e sorrido", mi dice, agguerrito più che mai a non dargliela vinta e a combattere ogni tipo di criminalità e ingiustizia».
19/05/2017 19.14
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 1.603
:^^^ L'episodio segnalato si è verificato nell'area orientale della città.
La giunta de Magistris deve mettersi al tavolo con la regione e con il governo.
E ' urgente che venga definito un programma per estendere la videosorveglianza in tutti i quartieri di Napoli.
Per ora il programma si è limitato al Vomero ed al lungomare.

19/05/2017 19.19
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 5.210
È un area fortemente degradata se non ti infili in macchina e te ne vai il pericolo di rapine può essere sempre in agguato.


__________________________
Salutandovi indistintamente..

http://www.pianofortegioiello.it/
19/05/2017 19.50
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 1.603
Le rapine le fanno ovunque : qualche giorno fa è stato rapinato ed accoltellato un ragazzo ucraino vicino al commissariato di Fuorigrotta.
Serve un controllo maggiore: la videosorveglianza è un primo passo.
Tante aree sono scoperte: il controllo del territorio non è adeguato.
[Modificato da Nuvola.CdN 19/05/2017 19.51]
19/05/2017 21.01
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 1.603
Un segnale forte di riscossa che deve spronare la politica a tutti i livelli
Rione Sanità in piazza contro le stese: «Il quartiere urla il suo no»



Dal Mattino

Il quartiere Sanità si mobilita, scende in piazza e manifesta contro la violenza e la criminalità. Sono almeno 200 i cittadini, gli attivisti e i rappresentanti dei comitati che urlano il loro no al terrore delle stese e agli atti intimidatori che da tempo stanno soggiogando il quartiere

...
20/05/2017 16.38
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 482
roba che qui potremmo risanare il bilancio comunale... ma è più probabile che regolarizziamo gli abusi

milano.corriere.it/notizie/cronaca/17_maggio_20/i-rom-devono-risarcire-comune-sentenza-pilota-300-mila-euro-68a63b5a-3d26-11e7-a425-2bf1a959c7...


I rom devono risarcire il Comune:
sentenza pilota da 300 mila euro


La decisione dei giudici di Milano segna una novità: due 48enni di origine romena, a capo di un insediamento abusivo, in via San Dionigi, condannati per aver bruciato rifiuti, per averli accatastati in discariche di fatto e per lo smaltimento in un laghetto


Può pure darsi che 300 mila euro di risarcimento al Comune di Milano gli imputati condannati non li paghino mai, ma almeno il principio è fissato all’esito di una non comune istruttoria processuale condotta dalla Procura su un fenomeno in passato troppo spesso trattato come evento minore: i roghi di rifiuti, il loro accatastamento in discariche di fatto, lo smaltimento abusivo in un laghetto, tutto nei «due campi rom non autorizzati sull’area di via San Dionigi 107/109» (inserita nel Parco agricolo Sud Milano ex Parco delle Rose) dal 2008 fino allo sgombero l’1 agosto 2014. Per queste condotte, «tali da arrecare un assiduo pregiudizio agli abitanti dei quartieri limitrofi al campo nomadi in cui dimoravano gli imputati», i giudici Oscar Magi, Giulia Turri e (relatrice) Caterina Ambrosino hanno infatti ritenuto due 48enni «capifamiglia» dell’insediamento abusivo (uno di origine romena e l’altro bosniaca), e un appena maggiorenne di origine romena, responsabili delle contravvenzioni ambientali di discarica abusiva, scarichi di acque reflue senza autorizzazione, e deturpazione di bellezze naturali.


Ma l’aspetto particolare della sentenza, all’esito del dibattimento istruito dal pm Maria Letizia Mannella con la polizia locale, sta non tanto nella pena di 8 mesi, quanto nella condanna degli imputati a risarcire i danni al Comune di Milano e la Città Metropolitana costituitisi parti civili. Nel caso di Palazzo Marino, scrive il Tribunale, «la pluriennale accumulazione di rifiuti di diversa natura sia sull’area sia nella fonte sorgiva rende necessarie corpose ed economicamente rilevanti attività di rimozione» dei materiali «prodromiche alla bonifica e al ripristino dell’area». E se per questi costi allo stato non quantificabili il Tribunale rinvia a una separata causa civile, già ora invece riconosce al Comune una provvisionale di 294.000 euro, pari cioè alla somma che il Comune ha già speso per rimuovere e smaltire i rifiuti speciali pericolosi e i rifiuti ferrosi. Alla Città Metropolitana, invece, i giudici riconoscono il danno non patrimoniale: non quello ambientale (per il quale l’unico legittimato è lo Stato centrale), ma quello consistente nella lesione dell’immagine dell’ente territoriale competente sulla gestione dei rifiuti nell’area del Parco agricolo Sud Milano.

«Il primo campo abusivo — ha testimoniato in aula la polizia locale — era completamente chiuso e per entrare bisognava chiedere l’accesso a loro, nel secondo venivamo ostacolati e noi stessi non potevamo entrare». Mobili, batterie, pneumatici, pezzi di catrame, macerie edili, fusti di oli esausti, plastica, residui di bancali, elettrodomestici: «Vari rifiuti galleggiavano su quest’acqua che è una sorgiva», mentre in altra parte del terreno «una volta raggiunto un quantitativo enorme di questi rifiuti veniva appiccato il fuoco. E quel fuoco provocava esalazioni che raggiungevano i quartieri Milano, Omero e anche Santa Giulia. Noi intervenivamo con i vigili del fuoco, si spegneva questo incendio, e dopo quindici giorni i residenti chiamavano le pattuglie» per nuovi «falò e fumi prodotti dalla combustione»
20/05/2017 16.41
 
Modifica
 
Quota
OFFLINE
Post: 482
questa invece è una notizia standard, le parti in grassetto sono vergogne che si leggono in tutti questi casi. città e provincia sono ostaggio di qualche centinaio di delinquenti, sempre gli stessi che reiterano impuniti. c'è un grosso problema a livello legislativo ed esecutivo, pene e certezza delle pene.

Catturato il terrore dei pendolari Circum: tredici rapine in due mesi

I carabinieri della tenenza di Casalnuovo di Napoli hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Nola per rapina continuata aggravata a carico di Giuliano Di Pierno, un 23enne di Casalnuovo già noto alle forze dell'ordine.

Le indagini dei militari, coordinate dalla Procura nolana, hanno permesso di accertare la sua responsabilità per la commissione di 13 rapine commesse “in solitaria”.

Armato di pistola o coltello, all’interno delle stazioni Circum di Casalnuovo e Pomigliano d’Arco avvicinava le vittime in partenza o in arrivo e le minacciava, costringendole a consegnare denaro e telefoni cellulari: 15 gli studenti e pensionati rapinati, per un bottino complessivo di 20 smartphone e 2.500 euro in contanti.

Nel corso delle indagini Di Pierno era stato già arrestato due volte dai carabinieri, il 23 febbraio e il 2 marzo, in esecuzione di due ordnanze di custodia cautelare per rapina. Adesso la terza misura cautelare, dopo essere stato identificato come il responsabile di altre undici rapine.

in una sola occasione si avvalse di un complice, identificato dai carabinieri e denunciato: era un 18enne di Casalnuovo già noto alle forze dell'ordine.

ilmattino.it/napoli/cronaca/napoli_rapinatore_circum-2451...
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | « 14 15 16 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi

Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 05.35. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2017 FFZ srl - www.freeforumzone.com